Archive for 6 giugno 2007

Tutti lo vogliono

giugno 6, 2007

Ma che minuetto ieri sera a Ballarò. Nelle vesti del paraninfo, il conduttore Giovanni Floris, quasi fisicamente eccitato, mentre Francesco Rutelli e Pierferdinando Casini si lanciavano in una lunga danza di corteggiamento, tipo pinguini imperatori nella stagione dell’amore. E Francesco si faceva sempre più insistente, gonfiando le penne per apparire ancora più bello, e Pierferdinando si schermiva, si negava, per poi riavvicinarsi ritroso e poi fuggire ancora un po’ più lontano. Inutilmente Berlusconi ha fatto sentire la sua voce al telefono, cercando di fare il don Rodrigo della situazione; i promessi sposi volteggiavano ormai dimentichi del presente, in un mondo tutto loro fatto di meravigliosa ovatta centrista. Alla fine il paraninfo ha sferrato un attacco diretto: secondo un sondaggio condotto fra gli aspiranti elettori del Partito democratico, il 55 per cento di loro ritiene che ci si debba alleare con il partito di Casini. E lui, la promessa sposa, che ne dice del nido che Francesco sta costruendo? Ma Pierferdinando ancora non si è concesso. Ha socchiuso gli occhi vezzoso e ha risposto: ve lo dirò un’altra volta.  Poverino Giovanni Salvi, che pensava davvero di essere lì per parlare del generale Speciale.

Cassazione: tutelatelo come un minore

giugno 6, 2007

caneIl proprietario di un cane è tenuto ad usare nei confronti del suo anmale “la stessa attenzione e diligenza che normalmente si usa verso un minore”. Con queste parole la Cassazione ha liquidato il ricorso di Luca P., di 27 anni, che la sera del 17 agosto del 2003, risalendo in macchina ubriaco, non si era accorto che il suo cane era rimasto fuori dalla vettura con il guinzaglio incastrato nello sportello e lo aveva trascinato per circa un kilometro, riportando ferite gravi. Il tribunale di Novara aveva inflitto a Luca P. un’ammenda per sevizie, contro la quale il ventisettenne aveva presentato ricorso. Ma la Corte suprema, pur dichiarando prescritto il reato, ha rifiutato di concedere “una formula di proscioglimento più favorevole” e ha anzi confermato le statuizioni civili, pari a 250 euro, che saranno versate alla Lav, che si era costituita in giudizio. Qui trovate le dichiarazioni dei responsabili della Lav, noi ci uniamo all’amarezza per la prescrizione del reato.