Reportage dal Gay Pride

prideUn nostro collaboratore senza paraocchi ha partecipato al Gay Pride di sabato scorso e oggi ce lo racconta su Ideazione.com

Gay Pride, il movimento rompe col governo 

di Domenico Naso

Il movimento non fa sconti. “Chiediamo a Prodi quello che chiedevamo a Berlusconi. Per noi non cambia nulla”: è questo il refrain che ha accompagnato il Gay Pride nazionale del 16 giugno scorso. Ed è un refrain motivato da un cambiamento storico, quasi epocale, del movimento omosessuale. La piazza di San Giovanni non era soltanto di sinistra: per la prima volta, infatti, migliaia di gay e lesbiche di centrodestra, fino ad oggi ai margini del movimento per scelta o per necessità, si sono esposti, chiedendo finalmente uno spazio di rappresentanza sempre negato. Se ne sono accorti anche i leader storici del movimento, che adesso parlano meno di “collateralismo alla sinistra” e pongono l’accento sugli obiettivi politici più generali (continua) 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: