Gli hacker aprono la campagna elettorale

Magari ci sbagliamo (magari davvero), ma l’attacco hacker che questa notte ha colpito il sito del network Decidere.net, ha tempi e modalità piuttosto sospetti. Si apre, ufficiosamente, la campagna elettorale e, a distanza di poche ore, qualcuno si inserisce nel sever del sito nato il 4 luglio scorso e cerca di distruggere tutto il distruggibile. Video, articoli, documenti, proposte, iniziative. Tutto ciò che di prezioso e importante era stato prodotto da un numero sempre in crescita di “volenterosi”, coagulatisi intorno alle idee e alla persona di Daniele Capezzone, creatore del network. “Purtroppo per l’autore o gli autori dell’azione – dichiara Capezzone – i contenuti sono stati salvati e presto saremo di nuovo on-line”.  La tv di Decidere, invece, è già attiva sul web e alle 18 trasmetterà in diretta un incontro con Giuliano Cazzola. Facciamo i nostri migliori auguri a Decidere.net, al quale ogni tanto abbiamo offerto qualche piccolo contributo, pensando che se si inizia a dare tanto fastidio, forse si è sulla buona strada.

Annunci

5 Risposte to “Gli hacker aprono la campagna elettorale”

  1. duccio mangiavacchi Says:

    Ciao, esprimo il mio rammarico per l’accaduto, ma come sottolineato nell’articolo, “qualcuno ha paura”e questa azione distruttiva rispecchia il loro lato oscuro e una certa mancanza di coraggio. La forza della verita’ causa questo. Ben vengano altri siti come Decidere.net. Un augurio a Daniele Capezzone.

  2. Politicrack Says:

    Io ho aperto 20 blog gemelli e salvo sempre tutto. Nei referrer ho Palazzo Chigi come una costante. So’ soddisfazioni. 🙂

  3. agilli Says:

    ti ho scritto un’email, dimmi se ti è arrivata.

    Ciao, ag.

  4. Babs Says:

    Il mio gemello preferitooooo! La tua email mi è arrivata, ti rispondo appena possibile.

  5. Tudap Says:

    Cara Babs, in Italia, al contraio che negli USA, i Think-tanks sono relativamente piccoli e poco influenti.

    Berlusconi ha annunciato la nascita del Partito delle Libertà.
    Se la Fondazione Liberal + il quotidiano Liberal spingono per un partito unico con ideali Theocons, la Fondazione Ideazione + il quotidiano L’Opinione dovrebbero anch’essi dare un contributo culturale per la nascita del PdL, però cercando di rappresentare quelle istanze laiche (concetto cmq diverso dall’anticlericalismo pannelliano), liberali, liberiste e libertarie che sono ahimè sempre meno rappresentate nela CdL.
    C’è da dire che la Fondazione Liberal è di dimensioni maggiori (con più fondi se vogliamo) rispetto alla Fondazione Ideazione.

    Una soluzione per aggirare questo inconveniente potrebbe essere quella di unire le forze: la Fondazione Ideazione potrebbe intrecciare sempre di più le proprie attività con quelle di Decidere.net, fino a – magari dopo le elezioni – raggiungere una vera fusione.
    Della Vedova ha detto che i RL entreranno del PdL. I salmoni più che un partito sono un movimento di opinione e, una volta disciolto i loro partito, le loro idee potrebbero trovare un’ottima “casa” nella neo-Fondazione Ideazione.

    Per quanto riguarda il quotidiano L’Opinione, se alla direzione Diaconale venisse affiancato dall’ex repubblicano Oscar Giannino, e alla vicedirezione ci andasse il libertario Giordano Bruno Guerri, allora sì che i “Neolib” del PdL combatterebbero culturalmente ad armi pari!

    Cosa ne pensi?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: